L’odore inconfondibile di quei fumogeni, il boato esplosivo quando delle corde intrecciate si gonfiano e soprattutto i battiti dei miocardi che risuonano come tamburi. Tutto questo è il motore pulsante dello sport più popolare del globo terrestre ed il teatro dei sogni viene rappresentato da uno stadio.

Con la pandemia scatenata dal nuovo coronavirus, tutto questo ha subito una brusca frenata ed uno stop impensabile mesi fa. Il settore cal- cistico, ed in particolare le squadre di calcio, si reggo- no e vivono in due settori distinti che si intersecano tra loro: il fattore emozionale ed il mercato economico.

CONTINUA A LEGGERE SULLA RIVISTA – PAG. 24