Qatar 2022: Gruppo E, presentazione, analisi e curiosità

0 Shares

Oggi presenteremo quello che forse è il girone più affascinante del torneo, il girone E, con Spagna, Germania, Giappone e Costa Rica. Le 2 europee partono nettamente favorite rispetto alle avversarie, ma gli asiatici e gli americani non partono certamente battuti, le soprese sono sempre dietro l’angolo.

Spagna
La Roja parte per il Qatar con molte ambizioni, come anche dichiarato recentemente dal CT spagnolo Luis Enrique, l’obiettivo è arrivare in finale. Convocazioni che hanno fatto moto discutere in Spagna, soprattutto per le assenze di Sergio Ramos, David De Gea e Thiago Alcantara, 3 autentiche icone delle Furie Rosse. Il difensore, dall’estate del 2021 al PSG, in questo inizio di stagione sembra aver messo alle spalle gli infortuni e ha offerto delle ottime prestazioni, che però non sono bastate per convincere il CT. Medesima situazione per il portiere del Manchester United, che in questa prima parte di stagione ha trascinato i compagni con prestazioni da campione assoluto. Ricordiamo però che lo stesso De Gea da tempo era sceso nelle gerarchie di Luis Enrique, che gli ha sempre preferito il giovane collega Unai Simon. Caso particolare quello del centrocampista del Liverpool, escluso per un ricambio generazionale a favore di giocatori come Pedri e Gavi.

Tra gli altri esclusi troviamo l’ex Napoli e attualmente infortunato, Fabian Ruiz, e il milanista Brahim Diaz, autore di un buon inizio di stagione e il nuovo terzino del Barcellona Marcos Alonso. Tra i convocati, sorprende soprattutto la presenza di Hugo Guillamón, giovane difensore del Valencia, che vanta appena 3 presenze con la Roja. Presente anche Ansu Fati, nonostante l’esterno del Barcellona fosse stato escluso dalle gare di settembre con Svizzera e Portogallo. Primo partecipazione al mondiale per Alvaro Morata, escluso a sorpresa nel campionato del mondo 2018 dall’ex Ct Lopetegui.

Germania
Dopo aver dominato il girone di qualificazione, con 9 vittorie e 1 sconfitta, la Germania guidati dal nuovo CT Hans Flick arrivano in Qatar per ritornare protagonisti. Brucia ancora la clamorosa eliminazione di 4 anni fa, dove i tedeschi arrivarono ultimi nel girone, poi vinto dalla Svezia.

Diverse le esclusioni eccellenti del CT, che lascia fuori un veterano come Hummels, per scelta tecnica. Non parteciperanno nemmeno Timo Werner, ai box per infortunio e Robin Gosens, che paga il periodo poco brillante all’Inter. Assenza pesante anche quella di Marco Reus, sempre per infortunio. Per il fantasista del Borussia Dortmund è una vera maledizione, negli ultimi 8 anni a causa dei tanti infortuni subiti in carriera, non ha potuto partecipare a 2 mondiali e 2 europei. Solo nel 2018 la fortuna lo assistette, ma le cose non andarono bene per la sua nazionale. Un po’ a sorpresa nella lista è presente Mario Gotze, che complice un ottimo inizio di stagione con la maglia dell’Eintracht Francoforte, si è meritato la convocazione. Presente anche il gioiello del Dortmund Moukoko, attaccante classe 2004 autore di 6 gol e 6 assist nei primi 4 mesi di stagione.

La nazionale tedesca è arrivata alla 20esima partecipazione a un mondiale di calcio, seconda in questa particolare classifica dopo il Brasile a quota 22. Insieme ai verdeoro condividono il maggior numero di partite disputate nel torneo più importante, ben 109.

Giappone
Il Giappone del CT Moriyasu non avrà fatto i salti di gioia quando avrà visto le avversarie del girone, Costa Rica e soprattutto Spagna e Germania fanno paura. I nipponici non partono battuti e cercheranno di migliorare gli ottavi ottenuti nel 2018.

Tra gli assenti a sorpresa troviamo l’attaccante del Celtic Kyogo Furuhashi, che paga la scarsa vena realizzativa in nazionale. Assenti, ma per infortunio, l’attaccante Takuma Asano e il difensore Ko Itakura. Presenti invece 3 ex conoscenze del calcio italiano Yuto Nagatomo (ex Inter e Cesena), Takehiro Tomiyasu (ex Bologna) e Maya Yoshida. Una squadra rivoluzionata rispetto al mondiale del 2018, con soli 6 elementi superstiti. Il Giappone è alla settima partecipazione alla coppa del mondo, tutte consecutive.

Costa Rica
Probabilmente la squadra meno forte del girone E, la Costa Rica non arriva con i favori del pronostico. Arrivato quarto nel girone di qualificazione, la squadra del CT Luis Suárez è stata l’ultima nazionale a centrare il pass mondiale, battendo nello spareggio per 1 a 0 la Nuova Zelanda.

Spicca la presenza della stella della nazionale, il portiere ex Real e attualmente riserva al Psg, Keylor Navas. Presente anche una vecchia conoscenza del calcio italiano, Joel Campbell, una stagione al Frosinone 5 anni fa. Ci sarà anche Bryan Ruiz, giustiziere dell’Italia nel 2014. Si punta anche sui giovani e citiamo il classe 2003 Brandon Aguilera, promessa passato in estate al Nottingham Forest. L’assenza di lusso è quella di Cristian Gamboa, 33enne difensore del Bochum e finora uno dei leader della nazionale costaricana. Terza partecipazione consecutiva per il Costa Rica, la quinta in assoluto, che cercherà di migliorare il quarto di finale raggiunto nel 2014. Nel mondiale brasiliano, Navas e soci arrivarono primi in un girone della morte mettendosi alle spalle Uruguay, Italia e Inghilterra. Quest’anno con Spagna, Germania e Giappone si ripropone la stessa storia, riusciranno in una nuova impresa?

Qatar 2022, il calendario completo del Gruppo E:

Mercoledì 23 novembre
Germania-Giappone (Gruppo E): ore 14, Khalifa International Stadium (Doha)
Spagna-Costa Rica (Gruppo E): ore 17, Al Thumama Stadium (Doha)

Domenica 27 novembre
Giappone-Costa Rica (Gruppo E): ore 11, Ahmad bin Ali Stadium (Ar Rayyan)
Spagna-Germania (Gruppo E): ore 20, Al Bayt Stadium (Al Khor)

Giovedì 1° dicembre
Giappone-Spagna (Gruppo E): ore 20, Khalifa International Stadium (Doha)
Costa Rica-Germania (Gruppo E): ore 20, Al Bayt Stadium (Al Khor)

Qatar 2022, le rose del Gruppo E:

Spagna

Portieri: Unai Simón (Athletic Bilbao), Robert Sanchez (Brighton), David Raya (Brentford).

Difensori: Carvajal (Real Madrid), Azpilicueta (Chelsea), Eric García (Barcellona), Hugo Guillamón (Valencia), Pau Torres (Villarreal), Laporte (Manchester City), Jordi Alba (Barcellona), José Gayá (Valencia).

Centrocampisti: Busquets (Barcellona), Rodrigo (Leeds), Gavi (Barcellona), Carlos Soler (PSG), Marcos Llorente (Atlético Madrid), Pedri (Barcellona), Koke (Atletico Madrid).

Attaccanti: Ferran Torres (Barcellona), Nico Williams (Athletic Bilbao), Yeremy Pino (Villarreal), Álvaro Morata (Atletico Madrid), Marco Asensio (Real Madrid), Pablo Sarabia (PSG), Dani Olmo (Lipsia), Ansu Fati (Barcellona).

Germania

Portieri: Manuel Neuer (Bayern Monaco), Marc-Andre’ Ter Stegen (Barcellona, Spagna), Kevin Trapp (Eintracht Francoforte).

Difensori: Armel Bella Kotchap (Southampton, Inghilterra), Matthias Ginter (Friburgo), Christian Guenter (Friburgo), Thilo Kehler (West Ham United, Inghilterra), Lukas Klostermann (Lipsia), David Raum (Lipsia), Antonio Ruediger (Real Madrid, Spagna), Nico Schlotterbeck (Borussia Dortmund), Niklas Suele (Borussia Dortmund).

Centrocampista: Karim Adeyemi (Borussia Dortmund), Julian Brandt (Borussia Dortmund), Niclas Fuellkrug (Werder Brema), Serge Gnabry (Bayern Monaco), Leon Goretzka (Bayern Monaco), Ilkay Gundogan (Manchester City, Inghilterra), Jonas Hoffmann (Borussia Moenchengladbach), Joshua Kimmich (Bayern Monaco), Jamal Musiala (Bayern Monaco), Thomas Mueller (Bayern Monaco).

Attaccanti: Mario Goetze (Eintracht Francoforte), Kai Havertz (Chelsea, Inghilterra), Youssoufa Moukoko (Borussia Dortmund), Leroy Sane’ (Bayern Monaco).

Giappone

Portieri: Gonda (Shimizu S-Pulse), Kawashima (Strasburgo), Schmidt (Sint-Truiden);

Difensori: Endo (Stoccarda), Itakura (Borussia Monchengladbach), Nagatomo (FC Tokyo), Nakayama (Huddersfield Town), Sakai (Urawa Reds), Taniguchi (Kawasaki Frontale), Tomiyasu (Arsenal), Yamane (Kawasaki Frontale), Yoshida (Schalke 04);

Centrocampisti: Doan (Friburgo), Hiroki Ito (Stoccarda), Kamada (Eintracht Francoforte), Morita (Sporting Lisbona), Minamino (Monaco), Mitoma (Brighton), Shibasaki (Leganes), Soma (Nagoya Grampus), Tanaka (Fortuna Düsseldorf);

Attaccanti: Asano (Bochum), Junya Ito (Stade Reims), Kubo (Real Sociedad), Maeda (Celtic Glasgow), Ueda (Cercle Bruges).

Costa Rica

Portieri: Keylor Navas (PSG), Esteban Alvarado (Herediano), Patrick Sequeira (Club Deportivo Lugo, Spagna);

Difensori: Francisco Calvo (Konyaspor, Turchia), Juan Pablo Vargas (Millonarios, Colombia), Kendall Waston (Saprissa), Oscar Duarte (Al-Wehda, Arabia Saudita), Daniel Chacon (Colorado Rapids, Usa), Keysher Fuller (Herediano), Carlos Martinez (San Carlos), Bryan Oviedo (Real Salt Lake, Usa), Ronaldo Matarrita (Cincinnati, Usa);

Centrocampisti: Yeltsin Tejeda (Herediano), Celso Borges (Alajuelense), Youstin Salas (Saprissa), Roan Wilson (Municipal Grecia), Gerson Torres (Herediano), Douglas Lopez (Herediano), Jewison Bennette (Sunderland, Inghilterra), Alvaro Zamora (Saprissa), Anthony Hernandez (Puntarenas), Brandon Aguilera (Nottingham Forest, Inghilterra), Bryan Ruiz (Alajuelense);

Attaccanti: Joel Campbell (Leon, Messico), Anthony Contreras (Herediano), Johan Venegas (Alajuelense).

Avatar
Rivista Football

Speciali, analisi, interviste, inchieste, foto esclusive e tanto altro. redazione@rivistafootball.it | @rivistafootball