La Juventus ha scelto Andrea Pirlo come successore di Maurizio Sarri. Che non andassero nel migliore dei modi le cose tra lo spogliatoio bianconero e l’allenatore di Figline Valdarno si era capito nell’arco di tutto il campionato. Quindi la dirigenza bianconera ha scelto di ripartire da uno dei suoi (ex) calciatori più rappresentativi.

Pirlo era stato chiamato per allenare l’Under 23 bianco- nera in Lega Pro, ma subito è stato promosso ad allenatore della prima squadra. Già durante la discussione della sua tesi di laurea (sostenuta per ottenere la licenza UEFA “A” per poter guidare la prima squadra) Pirlo ha esplicitamente sostenuto di rifarsi all’Ajax di Cruijff, al Barcellona di Guardiola ed al Milan di Ancelotti (con il quale il Pirlo giocatore ha vinto praticamente tutto). Tre esempi di calcio totale…

CONTINUA A LEGGERE SULLA RIVISTA – PAG. 18