Il segreto del momento florido della Roma risiede nella fase di copertura nelle azioni offensive degli avversari. La debacle fisica di Cristante ed i diversi infortuni hanno dato modo a mister Fonseca di ideare nuove soluzioni tattiche. L’agonismo che, da sempre, contraddistingue la compagine giallorossa viene trasmesso nell’11 titolare per non far rifiatare le ripartenze avversarie.

Pastore ha fin da subito sposato la causa del tecnico portoghese, andando a prendersi tutti i benefici di questo stile di gioco: più di 10 palloni recuperati nel match contro il Napoli. El Flaco ha giocato 6 delle 10 partite disputate dai capitolini in questa stagione, dimostrando dedizione. L’ex Psg ha tutta l’intenzione di trasformare i fischi in applausi e la rabona confezionata contro i partenopei ha lo stesso sapore di una cioccolata calda in una sera invernale. 1 metro e 87 di puro talento non possono sparire in un fumo nero, neanche dopo annate sfortunate.

Il fantasista argentino aveva solo bisogno di fiducia e, con questo, non stiamo dicendo che sarà sicuramente uno dei punti cardine di questa Roma ma può diventare una pedina importante per conquistare la qualificazione in Champions.

L’articolo La Roma riscopre Pastore, dai fischi alla standing ovation dell’Olimpico sembra essere il primo su Football-Magazine – Tutta l’attualità dello sport.

Source: Fm